Dolci

Pitta mpigliata o nchiusa

pitta mpigliata o nchiusa calabrese, ricetta natale

Oggi vi portiamo nella nostra Calabria con la pitta mpigliata o nchiusa.

Circa un mese fa riceviamo questa mail: “Care ragazze vi seguo con affetto e costanza…ho sposato un calabrese e mi sono innamorata della sua terra e dei suoi dolci. Me la preparate la pitta mpigliata? Un caro saluto dalla Germania Alessandra”

Cara Alessandra ogni promessa è debito, ti abbiamo risposto che la ricetta sarebbe arrivata ed eccola qui tutta per te e per chi avrà voglia di provarla e deliziarsi durante il periodo natalizio.

Tipico dolce di San Giovanni in Fiore e molto diffuso in tutta la provincia di Cosenza ma anche Catanzaro, viene preparato a Natale e Pasqua, essendo lontane dalla nostra tradizione reggina e non avendola mai preparata prima, abbiamo pensato di chiedere aiuto al nostro gruppetto di calabresi, la SUDbloggers (cogliamo l’occasione per invitarvi sulla nostra pagina instagram e lasciarci un like) dove la cara Elisa Le Tortine ha colto il nostro appello e deciso di farci dono della ricetta della suocera.

E’ un dolce molto particolare, come in molti dolci calabresi troviamo tanta frutta secca accompagnata da miele e cannella…davvero da provare!

pitta mpigliata o nchiusa calabrese, ricetta natale

Print Recipe
Pitta mpigliata o nchiusa
pitta mpigliata o nchiusa calabrese, ricetta natale
Tempo di preparazione 40 minuti
Tempo di cottura 60 minuti circa
Tempo Passivo 60 minuti
Porzioni
26 rose circa
Ingredienti
Ingredienti per la pasta
Tempo di preparazione 40 minuti
Tempo di cottura 60 minuti circa
Tempo Passivo 60 minuti
Porzioni
26 rose circa
Ingredienti
Ingredienti per la pasta
pitta mpigliata o nchiusa calabrese, ricetta natale
Istruzioni
  1. Cominciare con la preparazione della farcia: tritare grossolanamente le noci, i pinoli, le mandorle e i fichi secchi, mettere in un contenitore capiente ed aggiungere l'uvetta (precedentemente messa in ammollo in acqua e un po' di anice) ben strizzata, aggiungere quindi il miele fatto sciogliere a bagnomaria e la scorza dell'arancia grattugiata, mescolare il tutto e mettere da parte. Quindi preparare la pasta esterna: in una ciotola (o in planetaria) mettere la farina e il lievito, versare l'olio e il vino dolce intiepiditi, poi le uova e il pizzico di sale, impastare il tutto fino ad ottenere una pasta morbida, avvolgerla in una pellicola e far riposare a temperatura ambiente per un'ora.
    preparazione della pitta mpigliata o nchiusa calabrese
  2. Passato il tempo di riposo, riprendere la pasta e dividere in tre parti, una parte un po' più grande delle altre due, stendere quella più grande in forma tonda, rivestire una teglia capiente che la contenga, spennellare la superficie con dell'olio d'oliva, poi cospargere con il cucchiaio di zucchero, con la cannella e con un filo di miele. Stendere le altre due pezzature di impasto in forma rettangolare, quindi ricoprire entrambe le superfici con la farcia e arrotolare su se stessi formando dei salsicciotti. Tagliare delle rondelle di circa 3 cm, sistemare quindi le rose rivolte verso l'alto dentro la base e cospargere ancora di miele. Infornare a 170° forno preriscaldato statico per circa 60 minuti, fin quando il dolce sarà ben dorato. PS: il vero procedimento per creare le rose sarebbe un po' diverso e decisamente più lungo ma questo metodo è più veloce e semplice ottenendo lo stesso risultato.

pitta mpigliata o nchiusa calabrese, ricetta natale

pitta mpigliata o nchiusa calabrese, ricetta natale

Grazie mille Elisa e grazie Alessandra per averci spronate a provare questa ricetta.

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.